assisi, sinistra, sindaco, luigino ciotti

@sinistra

Vai ai contenuti

Menu principale:

Luigino Ciotti nasce in Belgio il 9-8-1954, figlio di minatore.
Maturità classica, diploma ISEF e laureando in Relazioni Internazionali e Cooperazione allo Sviluppo, inizia come insegnante precario, poi dal 1983 al 1995 lavora al Comune di Cannara e successivamente, fino a oggi, presso la Provincia di Perugia. Vive a S. Maria degli Angeli fino ai trent'anni e poi si trasferisce con la moglie Vienna, biologa, e la figlia Silvia, medico, a Bastia Umbra. Di formazione cattolica, comincia l’attività politica con il Movimento Studentesco di Assisi alla fine degli anni ’60, partecipa alla creazione della sezione del PdUP per il comunismo nel 1974 a Bastia Umbra ed è tra i promotori di Democrazia Proletaria a livello regionale nel 1978, diventandone segretario regionale alla fine degli anni ’80. Si forma nelle lotte operaie della zona Assisi-Bastia Umbra (ICAP, IPAS, Eurolene, ...) e partecipa alla realizzazione del giornale “primomaggio” sulle esperienze di fabbrica. Contribuisce a far nascere in Umbria il Movimento per la Rifondazione Comunista (MRC) ed entra a far parte della prima segreteria provinciale. Con Rifondazione Comunista è il primo dei non eletti al consiglio regionale sia nel 1995 che nel 2005; ne esce nel dicembre 2007 per aderire a Sinistra Critica, diventata poi Sinistra Anticapitalista. Nel 1995 diventa assessore al bilancio, sviluppo economico, sport e politiche giovanili del Comune di Bastia Umbra e poi continua dal 1999 al 2009 il suo impegno come consigliere comunale di opposizione al governo di centrosinistra. Nel 1999 è stato volontario con la Caritas Umbra durante la guerra in Kosovo e ha operato nei campi profughi di Stankovatz 1 e 2 in Macedonia. Oltre all’impegno profuso nella politica e nelle istituzioni, è stato sempre in prima fila nelle lotte ambientaliste e sociali (riconversione della Centrale di Bastardo, No al nucleare, Comitato acqua pubblica, Coordinamento TerreNostre Umbria contro il biogas, ecc.). Molto attivo nel campo della cooperazione internazionale attraverso varie esperienze, in particolare in Africa e America Latina: ha contribuito a creare 2 scuole a Kasumo in Tanzania e Wahable in Burkina Faso, un pozzo d’acqua e relativa rete a Siraro in Etiopia e un progetto a favore del popolo di pastori nomadi Wodaabe del Niger. Impegnato anche nelle lotte pacifiste (ha lavorato per 9 anni al Coordinamento Nazionale Enti Locali per la Pace, organizzando varie volte la Marcia della Pace Perugia-Assisi), con la Rete di Solidarietà con le Comunità di Pace della Colombia, in particolare quella di San Josè de Apartadò, ha partecipato al Forum Sociale Mondiale a Porto Alegre nel 2002 e 2003 e a Nairobi nel 2007. Ha creato nel 1991 il circolo culturale “primomaggio”, di cui è presidente, che in 25 anni di attività ha promosso decine di iniziative culturali e sociali portando in Umbria personalità come Aleida Guevara, Alberto Granado, Frei Betto, Gianni Minà, P. Daniele Moschetti, P. Alex Zanotelli, il Prof. Riccardo Petrella, Padre Kizito e tanti altri e ha realizzato due pubblicazioni. Nella metà degli anni ’90 è stato membro del direttivo della Pro Loco di S. Maria degli Angeli ricoprendo la carica di economo. Attualmente è membro del direttivo dell’Accademia Properziana del Subasio, la più antica istituzione culturale di Assisi che compie, nel 2016, 500 anni. Tra le altre cose, è stato uno dei sei promotori della proposta di legge di iniziativa popolare sulla sanità per la modifica di alcuni articoli della legge regionale 18/2012 che ha raccolto oltre 3.000 firme di cittadini umbri e che è attualmente in fase di esamina da parte del consiglio regionale. Ha promosso la costituzione della sezione Valle Umbra Nord dell’ANPI (Associazione Nazionale Partigiani d'Italia) di cui è membro del direttivo ed economo ed è attivista del presidio di LIBERA di Assisi-Bastia Umbra intitolato a Mario Francese, associazione che lotta contro le mafie per la giustizia e la legalità. Da ricordare il suo impegno sportivo come calciatore e allenatore, che dopo una trentennale carriera nelle squadre dilettantesche locali (Assisi, Petrignano, Bettona, Costano, Viole, Tordandrea, Castelnuovo, Spellana), nel 2010 lo ha portato a fondare e presiedere il Bastia Ultimi Calci, squadra over 40, che ha partecipato a numerosi tornei (di calcio, calcetto, calcio camminato e bumper ball) in Italia e all’estero.
Dal 2007 vive di nuovo nel Comune di Assisi cercando di coniugare, come sempre ha fatto, l’etica con la politica.

Torna ai contenuti | Torna al menu